Il cammino si fa camminando

Il cammino si fa camminando

le parole: i nostri passi

Abbiamo scelto la denominazione otium per il nostro progetto di comunicazione culturale perché ci piace il significato che i classici attribuivano a questa parola. Per loro l’ozio era quel tempo creativo, in cui era possibile dedicarsi alle arti e al pensiero. Sul risuonare di questa parola nel tempo  si fonda lo studio di comunicazione culturale Otium, come luogo dove incontrarsi fuori dagli schemi e dalle prassi accademiche e istituzionali, per dare respiro a percorsi di riflessione.

Il centrale tema del nostro progetto:  l’attenzione alle parole , quale oggetto cardine di qualsiasi percorso culturale. Ci siamo concentrati nell’ impegno di coniugare la parola quanto piu possibile, per questo abbiamo viaggiato intorno al libro e incontrato editori e scrittori; attraversato la memoria letteraria; lavorato su lingue e culture differenti dalle nostre; sperimentato le narrazioni nei laboratori e nei seminari di scrittura; dialogato con altre associazioni, con enti pubblici e privati.

Camminando si fa il cammino, cosi canta il poeta Antonio Machado, lo studio ha aperto le sue porte il 31 gennaio del 2013, a novembre dello stesso anno è nata l’Associazione culturale Otium, fondata insieme a Maria Nizza, Angela La Cavera, Delia Fabriano e Angela Di Gregorio. Quindi , adesso, il sito, con all’interno un blog interamente dedicato alla bellezza: www.otiumfeed.it.

A questo nuovo passo ci piace ricordare cosa avevamo nel cuore quando siamo partiti: la cultura è la base su cui costruire il presente e il futuro. Questo il pensiero da cui tutto ha avuto inizio. In tanti hanno creduto che io stessi inseguendo qualcosa di strano e irrealizzabile; poi i primi: si, ti do una mano; eccoli a seguire, più o meno, in ordine di apparizione.

Andrea Catalano che ha realizzato il logo di Otium la conchiglia che ci ha portato tanta fortuna;  Alfredo Rubino ed il Suo Centro Stampa Rubino di Marsala; Pietro Pellegrino e Katia Regina della Libreria Giunti Marsala; Alfredo Billardello e Giuseppina Pavia della Libreria Mondadori Marsala; Tania Herrero, Nicolò Messina, Giovanni Marchetti dell’ Associazione Culturale Sancho Panza;  Filippo Licari de I frutti del Sole Marsala;  Florindo Rubbettino di Rubbettino Editore, Francesco Virga di Cesim Marineo;  Massimo Graffeo, attore e regista; Monsignor Mogavero, Vescovo della Diocesi di Mazara del Vallo; Andrea Gentile editor del Saggiatore; Jana Cardinale, Giacomo Di Girolamo,  Francesco Timo, Carlo Rallo e Paolo Accardi, di Radio Marsala Centrale e Marsala.it; Ottavio Navarra, Paolo Navarra e Roberta Matera di Marsala C’è e Navarra Editore; Salvatore Inguì di Libera, Vincenzo Figlioli e Renato Polizzi di Agenzia Communico e Radio Itaca Marsala; Diego Maggio dell’Associazione Paladini dei Vini di Sicilia; Caterina De Bartoli della Cantina De Bartoli; Laura Doro della Cantina Martinez; Rosa Rubino del Quindicinale Il Vomere di Marsala; Carmine Esposito, Questore della Provincia di Trapani; Marco Marino, Delia Ruggirello, Marco Maldonato, Susanna Marino studenti del Liceo Classino Giovanni XXIII di Marsala; Beatrice Monroy e Sebastiano Mondadori, curatori dei nostri laboratori e seminari di scrittura; la Famiglia Rallo delle Cantine Donnafugata; Salvatore Mugno, scrittore e giornalista; Ornella Fulco, giornalista; Francesco Vinci e  Alessia Gandolfo spiriti liberi; Antonella Napoli e Felice Licari dell’Ente Mostra Città di Marsala; Sandra Giuliani dell’Associazione Culturale Donne di Carta e portavoce in Italia del progetto Persone Libro; Elisa Giacalone, giornalista e persona libro; Charles Cleal e Elena Rizzo per i laboratori di lingua e cultura inglese; Valentina Colli, scrittrice; Santo Lombino, di Nuova Busambra; Lorenzo Calamia, professore; Luigi Burzotta, saggista e spichiatra; Nicola Sieli della casa editrice Kalos; Rossella Giglio della Soprintendenza di Trapani; Massimo Pastore del Teatro Abusivo Marsala; Alice Cangemi, Fabio Giorlando, Rita Gianquinto e Anna Venere Genova per gli scatti che ci hanno regalato; Gian Antonio Stella e Nino Amadore; Francesco Mercadante; Vittorio Maria Vecchi web designer e Pamela Giampino giornalista che dietro le quinte ha sostenuto tante attività.

Poi i volti amici, i conoscenti e le persone che prima non conoscevamo, grazie a tutti voi, partecipando ai nostri oziosi appuntamenti  avete arricchito e fatto forte questo cammino.

Barbara Lottero

Commenti offerti da Disqus