Coltiviamo insieme la Cultura

Coltiviamo insieme la Cultura

al via il nuovo progetto di innovazione culturale che vi vede protagonisti attivi e non semplici partecipanti

Marsala ha nel cortile uno dei suoi modelli abitativi, il cortile è sicuramente uno dei tratti in cui la storia del territorio si è fatta testimonianza architettonica e sociale. Una storia, quella dei cortili,  che attinge ad una delle radici culturali di questa città e più specificatamente alla radice araba, la stessa dalla quale deriva anche il nome della città.

Passeggiare per il centro storico non può prescindere dalla visione dei tanti cortili e anche se oggi sono spesso disabitati, la vita del cortile si sente ancora viva, respira infatti il suo ricordo in tanti marsalesi. Era una vita fatta dell’intrecciarsi di tante vite, un modello di piccole comunità in cui tutto si condivideva: gli eventi felici e luttuosi, i riti delle conserve e dei panni stesi su fili collettivi, i tempi di pausa e il rallegrarsi nelle feste comuni.

Da questo ri-pensare è nata l’idea di dare forma di spazio condiviso al piccolo cortile che insiste all’esterno della sede della nostra associazione, al n°43 di Via XI maggio. Per lungo tempo ci siamo interrogate su come ridare vita al cortile di OTIUM,  dal  gruppo è nata l’idea di arredarlo con istallazioni auto costruite e vivacizzarlo con attività culturali improntate all’idea dell’istallazione artistica

Così è nato il progetto C’Orticello: coltiviamo la cultura un progetto che ha l’aspirazione di adottare e proporre un modello innovativo di fare cultura, secondo una modalità “artigianale” che trova la sua cornice tematica negli attuali modelli di innovazione e coesione sociale e che mira a coinvolgere maggiormente i partecipanti alle attività.

Coltivare la Cultura significa in qualche modo avvicinare e intrecciare i concetti di Coltura e Cultura, questo gesto di avvicinamento, nella visione di Otium ha una valenza metaforica,  in cui il “nutrire” e il “nutrirsi” culturalmente coincidono con un fare concreto simile a quello della coltivazione e vorrebbe realizzarsi nel facendo fare azioni culturali e colturali ai fruitori del C’Orticello soci e amici di OTIUM.

Il progetto prevede nella sua prima fase la riqualificazione e la valorizzazione del cortile esterno alla sede dell’Associazione Culturale, appunto il C’Orticello, attraverso la realizzazione di varie installazioni per restituire una narrazione interamente dedicata al libro e per permettere di trasformare uno “spazio” vuoto in un “luogo” denso di significati e interamente dedicato alle attività culturali in programma per l’ estate, detta, alla nostra maniera, #oziosaestate2016.

Completato l’allestimento del C’Orticello, si procederà verso la seconda fase del progetto e cioè verso la realizzazione di attività culturali di vario genere, ma comunque improntate sulla traccia dell’installazione artistico - culturale. Protagonisti letture, canti, musiche e danze, ma soprattutto i partecipanti, attori principali nel processo di “costruzione” creativa degli eventi e delle attività.

Il progetto nasce dal lavoro sinergico di otto donne: Francesca Cognata, maestra (Vice Presidente Ass. Otium); Alessandra De Vita, comunicatrice; Serena Del Puglia, architetta; Delia Fabriano, avvocato (Segretaria e Tesoriera Ass. Otium); Pamela Giampino, esperta di comunicazione e giornalista; Barbara Lottero, giornalista (Presidente Ass. Otium) ; Sara Manzo, animatrice sociale (Consigliera Ass. Otium) ; Nicoletta Vaiarello, grafica (Consigliera Ass. Otium).

Guarda le attività in programma qui: goo.gl/0I43Ej

Commenti offerti da Disqus